Saturday, 30 December 2006

atheism

just read the following article

very interesting, but I have objections on point nr. 10:

10) Atheism provides no basis for morality.
If a person doesn't already understand that cruelty is wrong, he won't discover this by reading the Bible or the Koran — as these books are bursting with celebrations of cruelty, both human and divine. We do not get our morality from religion. We decide what is good in our good books by recourse to moral intuitions that are (at some level) hard-wired in us and that have been refined by thousands of years of thinking about the causes and possibilities of human happiness.
We have made considerable moral progress over the years, and we didn't make this progress by reading the Bible or the Koran more closely. Both books condone the practice of slavery — and yet every civilized human being now recognizes that slavery is an abomination. Whatever is good in scripture — like the golden rule — can be valued for its ethical wisdom without our believing that it was handed down to us by the creator of the universe.

"moral intuitions that are (at some level) hard-wired in us and that have been refined by thousands of years of thinking about the causes and possibilities of human happiness."
She must be joking, the only hard wired qualities that we seem to have are those of the wild animal that is in us!

and then: "We have made considerable moral progress over the years", it's a laugh, the day they hang saddam and bush said it was necessary.
we've just made a big jump backwards, to the middle age, when they hang people in the square, and this courtesy of the most powerful, yet least civilized, country on the earth!

We are ruthless animal and we are capable, no, inclined , to the most horrific behaviour. There is progress and development, yes, perhaps, but the hardwired savageness can kick in at any time, and take any of us back to what we really are, blood thirsty animals.

Sunday, 24 December 2006

pasta

la buona notizia e' che i maccheroni, come pasta, alla coop, non esistono piu'! in compenso esistono decine di nuovi nomi, ogni marca ha il suo nome, per tipi di pasta che sembrano essere piu' che tradizionali. girelloni, torciglioni... ci devono volere un sacco di coglioni per inventarsi tutti questi nomi in -oni. Io mi immagino i pubblicitari milanesi 'creative' che fanno 'brainstorming' (o 'brainfarting') per inventarsi questi nomi del cazzo.

Saturday, 23 December 2006

morte di mia nonna , parte prima

mia nonna e' morta.
la frase sembra semplice eppure il concetto e' molto piu' complesso da "comprendere"..
vorrei scrivere per giorni di questo giorno , oppure vorrei non aver neanche pensato di scriverne.

vi racconto questo brano tratto dal giorno di oggi:

una signora, in visita ad un altro morto, esposto accanto a mia nonna nella camera mortuaria dell'obitorio dell'ospedale S di P, ha detto, letteralmente:

"ci vuol che cristo gli mandi una rassegnazione fulminante, altrimenti non gli resta che spararsi" (chi fosse il soggetto non lo so).

In dialetto leggero, ma percettibile.

mia nonna e' morta venerdi 22 dicembre 2006 mentre io ero su un aereo che aspettava di decollare in nebbia fitta. mia nonna era del 1921, aveva 85 anni.

Tuesday, 19 December 2006

tecnologia di sera

la stanza scivola lentamente nel buio del pomeriggio. quand'e' che incomincia? alle 3 ? o alle 3 e mezza? non sono sicuro. sono seduto con le spalle alle finestre, ma grazie allo specchio, soluzione degli interior designer per ovviare al ridursi continuo delle dimensioni degli appartamenti, vedo il mondo riflesso di fronte a me. all'improvviso il cielo si tinge di un colore violaceo, leggero, ma violaceo; e siccome c'e' un po' di foschia, tutto si tinge dello stesso colore; ma c'e' ancora luce, prevale la luce del sole diffusa dalla nebbia e dalle nuvole; poi non come e' parecchio + buio, e gli schermi dei due laptop di fronte a me sono molto + luminosi, e sullo specchio, nell'angolo buio che e' la zona del tavolo piena di carte, libri, pubblicazioni, dispense ecc.. risplende ora la mela del mio laptop, mentre l'altro, quello del lavoro, ha una borchia inutilmente cromata che non fa luce al buio.
le luci del mondo qui di fronte, piu' su di rotherithe , si riflettono sul fiume. il traffico fluviale diminuisce; rimangono le ultime gite sul fiume e le barche regolari.
il bagliore della citta' di terra prevale sul bagliore delle luci della citta' di cielo ed e' amplificato dalla foschia.
mi vedo nello specchio chiaramente illuminato dall'inutile bagliore elettronico dei 2 laptop, e nel buio del tavolo una luce blue lampeggia intermittente, mentre dall'altra parte della stanza altre luci lampeggiano, 2 hard disk, e le loro luci blue verticali; un mac mini che e' sveglio e quindi emette una luce fissa chiara intensa, altrimenti, se dormiva avrebbe esemmo una luce + fioca e intermittente che rappresenta come un respiro.
Nuova metafora del mondo in cui vivo: gli apple respirano, vivono!

Wednesday, 6 December 2006

Inglese, anche se non sembra....

esempi di inglese dell'ESSEX(*)

(*) zona a est di Londra rinomata per la rozzaggine (**) dei suoi abitanti, soprattutto rozzaggine linguistica

(**) ma esiste 'sta parola?


alma chizzit - A request to find the cost of an item (how much is it)

amant - Quantity; sum total ("Thez a yuge amant of mud in Sarfend")

awss - A four legged animal, on which money is won, or more likely lost
That awss ya tipped cost me a fiver t'day")

branna - More brown than on a previous occasion ("Ere, Trace, ya look branna today, ave you been on a sunbed?")

bruvva - Male relative sharing same parents ("Me bruvva's back in court on Tuesday")

cort a panda - Large hamburger

dan in the maff- Unhappy ("Wossmatta, Trace, ya look a bit dan in the maff")

eye-eels - primarily women's shoes affording significant elevation to the wearer

Furrock - The location of Lakeside Shopping Centre

garrij - A building where a car is kept or repaired (Trace: "Oi, Darren, I fink the motah needs ta go in the garrij cos it aint working proper, innit")

Ibeefa - Balaeric holiday island

innit - Modifier, usually at end of sentence, to check or clarify that statement is accurate or understood (see "garrij" above - "it ain't working proper, innit")

lafarjik- Lacking in energy ("I feel all lafarjik")

luvaduk - peculiar local sexual practice - best not mentioned

oi oi! - Traditional greeting. Often heard from the doorway of pubs or during banging dance tunes at clubs

owssband - Unable to leave the house because of illness, disability etc

paipa - The Sun, The Mirror or The Sport

reband - The period of recovery and emotional turmoil after rejection by a loved one ("I couldn't elp it, I wuz on the reband from Craig")

Sarfend - Essex coastal resort boasting the longest pleasure pier in the world. The place where the characters from TV's, popular soap opera, Eastenders go on holiday

shu' up - Direct request for quiet ("shu' up, I'm tryiner watch Eastenders")

tan - The city of London, the big smoke

war' er - transparent colourless liquid; molecular structure characterised by two hydrogen atoms and one oxygen atom; vital to all lifeforms

webbats - Querying the location of something or someone. ("Webbats is me dole card Trace? I've gotta sign on in arf hour")

wonnid - 1. Desired, needed. 2. Wanted by the police

zaggerate - To imply that something is bigger or better than it actually is. ("I told ya a fazzand times already")

Saturday, 18 November 2006

Dave Holland at the Barbican, 18 Nov 2006


Dave Holland celebrates his 60th birthday at the Barbican. Great concert with great guests, Jim Hall and Kenny Wheeler, plus a set with his own quintet.
Dave Holland - double bass
Chris Potter - saxophone
Robin Eubanks - trombones
Nate Smith - drums
Jason Moran - piano
This was an incredible concert.

Thursday, 16 November 2006

e.s.t 16 Nov 2006 Barbican live


e.s.t play a sold out concert at the barbican. I first saw them back in 2000 or 2001 at the north sea jazz festival in Den Haag. That was a great concert, first of all because I didn't know them at all, and I found their cold nordic keith jarrett styled jazz great in the mondrian zaal, plus i had a nice seat.
i was surprised that they would do a sold out like this at the barbican, i didn't know they were so popular, but I discovered that they are more than popular: some people had a rock-like adoration of this band and of their music.
this time I was less enthusiastic of the music of e.s.t. and of the live polished performance. it sounded too much keith jarrett.
but it still was a great concert.. despite the attempts of Polar Bear , the support band , to spoil my evening. this dude in the band, he play a .. apple powerbook g4 15"...
and he can be quite annoying. the music and the band are ok,nothing special but acceptable, but the computer guy is a nuisance.. it's like he could play no instrument, so he had to mess with his laptop? as much as I love computer and computing, when iI go to a jazz concert I'd rather listen to good old music, playing by hand on acustic or electric instruments.
of course I have nothing against a creative use of computers in music, but not just to make noise!

Friday, 10 November 2006

riaperta la stagione dei guanti

e' venuto un po' di freddino e si riapre la stagione dei guanti. i guanti perduti dagli imbriachi e dalle imbriache locali. i primi si sono visti gia' la settimana scorsa, il mio primo guanto avvistato e' stato un guanto da donna blue chiaro peloso. gli imbriachi sentono freddo e si coprono ma siccome che sono imbriachi perdono un guanto, ma uno solo

Saturday, 5 August 2006

26000 fallimenti

nell'ultimo quadrimestre si sono registrati in inghilterra e galles (escluso quindi il resto del regno unito!), oltre 26000 casi di bancarotta di singoli individui (non societa'), il 66% in piu' che nello stesso periodo l'anno precedente.
Dal sito della BBC leggo che il totale complessivo del debito dell'intero regno unito e' 1 trilione (1000 miliardi) di sterline! Questo e' superiore alla somma dei debiti esteri di Africa e Sud America. Ma sembra sia l'Olanda il paese con la differenza debito/reddito maggiore.


ps:
sto costruendo un nuovo sito per voi, dove scrivere, leggere, divertirsi ecc..
andate qui -> http://benlog.co.uk/drupal/?q=blog
e registratevi, registrazione gratuita (previa approvazione di me medesimo).

Sunday, 16 July 2006

Trilok Gurtu & Pandits Rajan and Sajan Misra

Queen Elizabeth Hall

The first time i heard the tabla was during rockin' umbria 1987 or 1988. at those times i had no idea what tabla drums were. a trio, 2 germans and a very old indian guru performed in the magic venue of San Francesco al Prato, an old deconsecrated church with a roofless apse. they played a sort of mystical, magical, mix of indian and jazz, I would think, although memories aren't clear. What I remember vividly is the feeling of revelation. However I didn't act, the rock festival was in full swing and I got carried away by other music and other musicians..
One or 2 years later I saw Joe Zawinul and Trilok Gurtu, I think it was the Pavone Cinema of Perugia, obviously as part of Umbria Jazz. Trilok had a small extra platform, a small stage, raised few cm. above the main stage. He would squat down on the mini stage, on a nice persian carpet, and play his percussions, tabla, a small drum set he would play in a very awkward position, and many other instruments and objects to make noises and sounds. Again it was a revelation, but this time I did my research, bought CDs, learned , listend to more of that music and ever since the tabla is and remains the most amazing drum I can think of, and I am glad I have see even better players than Trilok Gurtu, like Zakir Hussein.
But back on the subject. I saw TG one more time in florence, him and an indian dancer, again a very good concert and dance show.
But years later, more recently, we saw him in a very unfortunate concert at the North Sea Jazz Festival, the venue the Dack Terrasse (spelling could be wrong). Unknown to me, TG had "evolved" into the Asian dance / techno music thing, and was now performing with some woman singer (black but not indian), in a disastrous concert, that suffered not only of technical problems, but especially of the bad voice of the girl/singer , the lack of preparation and the fact that the music was dreadful and possibly also because most of the people knew TG for his more traditional percussion work.
It was horrible, we left after 15 mins, I was really sad that my tabla hero had fallen so badly and embarressed himself (at least in my eyes).

2 weeks ago I saw he was playing here tonight, and although the programme mentioned specifically (and I quote): "The performance, with not an electric instrument in sight [...]" and mentioned instead traditional indian music, I was reluctant. Eventually I was convinced to go, and I must say I don't regret it.

First of all because I had a chance to hear the 2 old indian singers and brothers, Pandits Rajan and Sajan Misra, who are really phenomenal, as well as the music, old classic traditional folk indian music, but also because TG is also back to his old self, a great percussionist. Perhaps the concert could have been rehaersed a bit better, but despite that it was still a "bloody good concert", and thanks to she who convinced me to go.

As usual for indian music concerts here in London, also the audience is a nice part of the show: colourful, cheerful, of all ages, some very old grandmas, large families with all ages in a row.. a great thing to see, although perhaps it makes us a bit sad and makes us homesick at least in the fact that we can't take our grannies or parents to these shows (without considering how unusual for them this whole would be... ), it nice to be part of it.

concert info

Saturday, 24 June 2006

Jaleo Flamenco Dance Company at the QEH

fantastico spettacolo di flamenco. era da tempo che desideravo (ri)vedere e ascoltare flamenco.
informazioni qui
2 chitarre 2 cantanti, 2 ballerini. intenso , emozionante. ogni brano e' un quadro di musica, voci, danza e luci anche, spesso usate per creare silhouettes su uno sfondo colorato, rosso, verde.
musica misteriosa, forse di origini miste , mori (i Mori), ebrei, un mix interessante. mi piace sentire quell'eco arabeggiante nelle parti vocali.

Tuesday, 9 May 2006

The Jacques Loussier Trio, St. John’s, Smith Square, Monday 8 May, 7.30pm

Bellissimo concerto


Monday 8 May, 7.30pm
St. John’s, Smith Square

‘Beyond Baroque’
The first of four programmes in association with BBC Radio 3

The Jacques Loussier Trio


Jacques Loussier piano
André Arpino drums
Benoit Dunoyer de Segonzac double bass
The Jacques Loussier Trio



Programme will include interpretations of Bach Brandenburg Concerto no.5 in D, Preludes and Fugues from The Well-Tempered Clavier and Vivaldi ‘Spring’ from The Four Seasons
Celebrated for his jazz interpretations of Bach and other
Baroque composers, Jacques Loussier is unique and unclassifiable,
the first cross-over musician, whose performances
combine technical mastery and brilliant improvisatory skill.
Creator of the hugely successful Play Bach Trio in 1959,
Loussier continues to delight audiences worldwide with his
re-formed Trio in jazz clubs and concert halls alike and with
album sales of millions. His innovatory fusion of pianism and
jazz extends beyond the Baroque and this programme, with
improvisations on well-known Bach as its basis, will also include
pieces by Debussy, Ravel and Satie plus many surprises along
the way.

‘One can only marvel at the technical assurance of Loussier’s new group’
Sunday Times

‘The Trio swings and Loussier’s improvisations are as graceful
as they are evocative.’ Washington Post

Accademia Bizantina, Stefano Montanari, St. John's, Lufthansa Baroque Music, 04/05/2006

Grazie alla nostra amica L, un altro bellissimo concerto.

Sunday, 12 March 2006

un lungo bel sabato (11/03/2006)

partiamo da canary wharf e via jubliee + central arriviamo a ealing broadway. vogliamo visitare ealing perche' ne abbiamo sentito parlare tanto e non ci siamo mai stati.
dopo shepherd's bush la metro esce e si viaggia all'aperto. cosi' viediamo acton (east, north e west); a giudicare dai numero di tetti che si vedono, fitti fitti, ci deve abitare un sacco di gente. scorgo il bbc broadcast center, molto grande.
arrivati a ealing brdwy siamo subito in pieno centro, con i soli negozi e le solite folle, piu' un incredibile traffico molto lento con tantissima gente in macchina, che va chissa' dove.
chiaramente ealing non e' un posto per poveri, comunque non e' particolarmente interessante. i soliti negozi, le solite catene, centro commerciale, fast food; un paio di ristoranti italiani. fuori da carluccio anche un paio di italiani, dall'aspetto "locale".
la fiera del fair trade di oxfam in dei giardini pubblici.
di oxfam vediamo 3 negozi in breve spazio: addirittura uno specializzato music, uno music & media e uno tradizionale (vestiti libri e quant'altro). un'altra indicazione che ealing e' un'area dove circolano parecchi soldi; abbastanza che solo con gli avanzi si riempono 3 negozi di charities.
c'e' poi my old dutch, una pannekoeken huis, in perfetto stile olandese, e diversi locali nepalesi. non so che si mangia in nepal.
comunque non siamo qui per mangiare ma per un controllo veloce.
Torniamo alla metro alla volta di Holland Park, per una visita veloce ad un angolo di Giappone.

Wednesday, 1 March 2006

Greetings from Whitechapel, Pakistan

il ragazzo perde bava dalla bocca, ma cerca di tenersi un panno davanti alla bocca, solo che ogni tanto la mano gli cade come inerte. il padre cerca di aiutarlo con il panno, ma se deve aiutarlo con qualcos'altro allora si distrae dal panno.
il padre e il ragazzo non sono "caucasians" come noi bianchi, sono asiatici, probabilmente pakistani. il padre ha una di queste strane barbe che iniziano all'improvviso sul viso, quasi gliene mancasse un pezzo.
le infermiere invece sono tutte "caucasians", sono bianche, anglosassoni. chissa' perche' portano quell'orologino appuntato al camice.
le receptionist sono invece tutte asiatiche, pakistane? indiane? quella di medicine 2 mi corregge: dietishan dico io, daietishan dice lei; vabbe ha ragione, e poi si deve aggrappare a questa lingua come prova che anche lei appartiene a questo mondo di "caucasians".
il royal london hospital e' a guardarlo da fuori un cesso, soprattutto in certe parti laterali; una volta c'ero stato davanti e mi ero accorto di una scritta ormai caduta di cui era rimasta solo il segno, proprio royal london hospital, e avevo detto a L.: "questo era un'ospedale", perche' da quella parte la facciata era cosi' cadente, dilapidata, le finestre vecchie, ammuffite sporche, che sembrava un edificio abbandonato.
e' strano

Saturday, 4 February 2006

Dan Flavin all'Hayward Gallery

Mi avevano colpito le foto di questa mostra. Naturalmente non avevo mai sentito parlare di Dan Flavin, ne' sapevo di cosa si trattasse. Ho guardato e ho scoperto che si trattava di un "artista" americano "minimalista" degli anni '60 che aveva lavorato con luci neon colorate. Io ho sempre amato i neon, per cui dopo aver visto altre foto mi sono deciso. Costo dell'operazione 7.5 sterline, un'eresia, comunque anche un'occasione per visitare la Hayward Gallery che non avevo mai visitato. Siamo andati in 3, due architetti, e un ciccione.
Qui e la' ho letto e sentito cose su Dan Flavin tali che la sua persona, (RIP visto che e' morto nel 1996), non mi piaccia molto, era un americano, e non se ne vergognava sembra, anzi.. peccato. pero' il suo uso di semplici neon, usando sempre materiali disponibili e non realizzati ad hoc, mi ha colpito. i colori sono incredibili; certe volte mi parevano certi colori di Paris, Texas che avevo tanto amato; visitando la mostra uno puo' mettersi con le spalle contro il muro e avere nel campo visivo colori intensissimo, che si influenzano a vicenda, che lasciano l'occhio "macchiato" di colore, cosi' che poi un tunnel di luce bianca diventa violaceo.
Inevitabilmente sono i due muri di neon giallo e verde contrapposti che colpiscono l'occhio ma non solo. Guardandoli, le persone davanti diventano macchie nere; gli occhi sono come ingialliti e per un po' si vede tutto strano; poi si fa il giro e si vede il muro verde, con quel po' di giallo che filtra di lato, e il lungo corridoio bianco, e le luci miste di una 3a stanza con gli ultravioletti in mezzo.
questa mostra e' come un'abbuffata cromatica che e' difficile togliersi dalla testa.
Maggiori Informazioni

Monday, 16 January 2006

riflessioni su due teste di cazzo

nel 2006 il "centro sinistra" e' ancora nelle mani degli stessi delinquenti che hanno regalato al paese 2 governi berlusconi, di cui uno tutto intero, fino all'ultima goccia.
mandiamoli a casa! mandateli a casa anzi, perche' io personalmente me ne sono andato in esilo volontario al primo governo berlusconi.
d'alema, bertinotti, fassino prodi non hanno fatto niente per far rispettare la legge nei confronti della "banda bassotti" di berlusconi.questi sono politici che sono anche un lascito della "prima repubblica", pre mani pulite. ma insomma, svegliatevi!! cosa vi aspettate che sia la differenza tra loro e berlusconi? nessuna: fanno parte della stessa oligarchia, dello stesso clan che ha + interesse a preservare i propri interessi di gruppo che battersi per il bene degli altri (cioe' degli "elettori").
ci vogliono idee, anche un po' di sogni, e gente che abbia il coraggio di battersi per esse, gente che non abbia uno status quo da difendere. con questi politici che fanno marketing e non politica (cosi' come gli ha insegnato il modello americano e berlusconi), loro guardano a sondaggi e indagini di mercato per cercare di essere interessanti per tutti gli elettori. e' ome in inghilterra, dove tony b-liar governa da dittatore assoluto e mantiene una corte di ministri e lacche' che riescono a portare i voti di tutti, labour, centristi, e anche conservatori delusi. a che serve avere il centro sinistra al governo, se poi deve fare la stessa politica del centro destra o peggio? l'avete gia' sperimentato! chi ha mandato i jet a bombardare sulla serbia? chi ha fatto leggi per favorire la flessibilita' del lavoro?
queste persono sono di una tale bassezza morale e politica che si devono fare la guerra in pubblico perche' cosi' si possono ricattare a vicenda, e sono cosi' egoisti che non hanno nessuna delicatezza nei confronti di una coalizione sottoscritta mille volte e mandata al diavolo mille volte.
e' deprimente la mancanza di una vera alternativa ma soprattutto di vera opposizione.
che SCHIFO!