Wednesday, 19 December 2007

paralleli. cito me stesso. citandomi addosso.

scrivevo ad un amico di recente:
"ma bertinotti a me suona come se uno dicesse: una busta di pane a cassetta olandese ammuffito e andato a male cosi' tanto da aver fatto un'acquetta schifosa.
insomma, uno spettacolo cosi' rivoltante che uno fa una faccia schifata e si mette un guanto per buttarlo nella spazzatura."

il mio testo continuava cosi':
"non dissimile dalla definizione di d'alema e berlusconi (e ora anche veltroni, autopromossosi anche lui ora all'apice delle t3st3d1c4zz0): un sorcio nero schifoso gigantesco, lercio e con una mutazione genetica che gli ha fatto crescere i testicoli al posto del cervello e il cervello l'ha cagato dal culo quand'e' nato.
Insomma una roba che se te lo trovi in casa scappi via urlando come un pazzo e ti richiudono in un manicomio, e a casa tua:
- o ci va una famiglia di cinesi che a loro magari il sorcio non gli fa schifo;
- arriva un team dal film outbreak, con tute arancioni e scafandri alla 2001 odissea nell spazio, pero' non sono prigionieri di guantanamo bay: sono dell'ufficio provinciale derattizzazione."

Wednesday, 12 December 2007

head of negative equities gesucht

it's borrowed from this guy in my office who is really funny and he came up with this one amidst the constant flow of bad news hitting banks around the world right now because of the subprime mortgage market fiasco.
these bunch i work for, they seem to be going for the top of the hit parade of morons. they seem to have lost so much money that I start thinking that maybe they have been conned!
anyway, this guy came up with this line the other day, about the post of head of negative equities, and I find it really funny.
that's city.
the german is not entirely accidental.. :-)

Thursday, 15 November 2007

Italian Film Festival UK 2006 (London)

For the website click here

My highlights:
LRS = London Riverside Studios
R = Cinema Renoire

Sat 17/11 15.00 - LRS - Shorts programme
Sat 17/11 20.55 - LRS - la stella che non c'e' (gianni amelio)
Sun 18/11 17.00 - LRS - La strada di Levi
Tue 20/11 18.30 - LRS - The Lark Farm - the Taviani brothers will be present
Mon 26/11 18.30 - R - Come l'ombra - director will be present

Best Burger in London / il miglior hamburger a Londra

My choice is the GBK, gourmet burger kitchen, a kiwi mini chain , with the best burgers, fries and shakes in town.
There are several GBK's restaurants, check the locations.
My favourite location is Belsize park, for a late lunch or early dinner (to avoid the queues) after visiting Camden Town. Catch a northbound bus from the northern-most exit of the Camden Stables that will stop just in front of the GBK in Belsize park.

------------------------------------------------------------------------------

Il mio hamburger preferito a londra e' quello del Gourmet Burger Kitchen, una minicatena neozelandese di ristoranti per hamburger. Ci sono ristoranti in varie zone, per trovare quello piu' vicino contrallate sul sito di GBK qui.

Il mio preferito e' quello di Belsize park, ottimo per uno pranzo dopo la visita di Camden town (prendere un bus meglio della metro).

per chi viene a londra tra il 23 dicembre e il 2 gennaio

problemi di treni per la stazione di liverpool street a causa di lavori straordinari: tutti i viaggiatori che arrivano a stansted. Per informazioni leggete qui.

in pratica i servizi dello stansted express saranno limitati e sostituiti da percorsi misti (treno + metropolitana), o autobus.

Monday, 12 November 2007

fat tax

so now a new breed of public enemy is born: the fat people, the overweight. and with fat people come hordes of "nutritionalists" and diet people, some of which seem to have no scruple when it comes to advertising their activity, like the "air fat tax" proposed by one of this online dieting guru.
I think people like these are disgusting, taking advantage of people who are already in a world of trouble and are in weak position.
One could think to wish him to fall hill and become obese.

Monday, 8 October 2007

Farewell

addio seacon tower.

the silent flow of the river, watching the fast pace life of london from a safe distance, hearing only remotely the noise of the city, the sirens, the cries, the choppers, the planes..

paoloconte plays in the background "alle prese con una verde milonga", while I watch this view for the last time. The city in the distance, the Gherkin, and further away the london eye, more landmarks seen not so well, because we are still only at a low floor, yet this view is breathtaking, and yet relaxing.

Guy Fawkes drinking hot chocolate and watching the city in fire, the disorganized mat of fireworks, out of sync, poor small things.

Sometimes to watch the fireworks at Southbank from the warm inside, no people around, no noise, no bad odors.

This shell, this slice of heaven has been my safety in this crazy metropolis, which here in front of me, extends forever, the mouth of an immense monster eating people by the millions.

Somehow I am leaving all of this, to my very astonishment, I have , like in the worst of nightmares, seen myself give notice and sign the lease for anohter flat which is like the opposite of this one. I am exchanging new for old , top spec for ikea, dishwasher for no dishwasher, security for no security, safe for unsafe, views for no views, silence for noise.
what the f* is wrong with me? What am I doing? Starting from pest in the kitchen, the new flat has already been , in less than a month, one of the massive fiascos in my life.
How will I cope with this mistake.. 7 months go go.. it's too hard already..



now we are inside that noise, right in the middle of it..

Thursday, 13 September 2007

forse potrei essere un comico?

cosi' m'e' venuta questa cosa qui da mandare in ufficio ai miei colleghi. Questo testo e' mio, per favore non usarlo senza permesso/This is my joke, don't use it or reproduce it without permission:

German version will follow:
please be informed that it has been decided that with immediate effect, all permanent employee and external consultant, will have to pay a contribution towards the use of facilities: desk, phone, and toilets.
This contribution will be denominated: "rent" , it will have to be paid in cash, in small notes , and will be cashed by locally appointed collectors, denominated "my friend!". No receipt will be available.
How to recognize your locally appointed collector, or "my friend!":
it will be a guy with a black suit, mirror shades and a darkish skin (but not too dark) who will show up at your desk looking like he really doesn't want to speak with you. Please pay promptly placing the amount in a white envelope.

We thank you for your cooperation.
Don Tano

Thursday, 26 July 2007

my trip to work today / my commute to work today..

7.49 leave home walk to south quay
board train to bank
train stops at limehouse for 10mins for technical "difficulties" of another train at shadwell
at bank walk to northern line: climb 2 flight of stairs, the second quite a long one, and be rewarded by the warm, stale, smelly , oxygen-lacking air of the northern line northbound platform at Bank;
wait 10 mins until a voice announces that due to a person taken hill on a tain at Borough, there is "currently" no northbound Northern line service. At the second repeat of the announcement, I take the escalators to the Circle and district.
From last flight of stairs see the Circle line train take off.
Wait 15 mins until finally a voice (the same of the northern line) announces that due to an early faulty signal in the ???? area , there is no Circle line service at the moment.
Leave the Monument station , walk to Gracechurch street check for bus, only bus is nr. 40, godonlyknows where it goes (I think they have swapped the directions of the 40 northbound with the ones of the 40 southbound).
Walk to King Edward street to first bus stop (more or less Lombard street - where my old office used to be), and hop on 21. Wait in traffic and slowly get to Finsbury Pavement.
Walk to xxxxx lane.
Arrive at 09.00.

Sigh!

Wednesday, 4 July 2007

lettura di poesie su londra alla royal festival hall (sean borodale, tobias hill, iain sinclair), parte del london literature festival


Cliccate qui per il link sul sito della royal festival hall.

a interessarmi in questa iniziativa (costo 21 mila lira!), e' stata la presenza di iain sinclair.
IS l'ho scoperto attraverso william gibson (vedi qui, dove dice favourite writers).
Sto cercando di leggere Lights out for the territory, ma non e' una lettura semplice.

Dei primi due non c'e' molto da dire, sean borodale si e' inventato come una specie di registratore vivente, fa una passeggiata e annota cosa vede, sente, odora ecc. tipo: leggo: diomaiale sento macchina che frena, sento "ma che fai stasera me la dai?" odoro il tipico schifo del cibo inglese, vedo un teeneger accoltellato.. ecc.. ecc..
e la chiama poesia. e noi compriamo il libro perche' sembra male farsi firmare il libro dagli altri due e non da lui (pensa che coglioni che siamo).
tobias hill e' un po' meglio, c'e' una scintilla di vita in quello che scrive ma e' ancora troppo personale, troppo "piccolo borgo antico".

iain sinclair e' invece un grande personaggio.
innanzi tutto e' il primo a usare le caratteristiche stesse della stanza dove ci troviamo (siamo nella cosi' detta function room on level 5, una bella stanza con vista su parlamento, big ben e ruota london eye, molto impressionate (foto seguiranno).
e poi riesce a dare vita ad un mini show fatto di storie nuove e antiche, e anche di poesie nuove e antiche, ha un ricco passato da vero poeta, ha fatto mille lavoretti, non si e' mai spaventato di esporsi, si capisce che e' stato un oppositore della tatcher prima e di b-liar poi; si capisce che appartiene ad una generazione che ha avuto il doppio delle delusioni per ciascuna delle speranze di un mondo migliore, una generazione che non si spavento' di esporsi.
ha letto dalla sua ultima collezione di poesie, chiamata firewall che (vivaddio), non ha a che fare con i firewall di internet), ma con i muri che si stanno costruendo dentro una citta come londra per dividere i ricchi dai poveri , i "buoni" dai "cattivi", i neri dai bianchi.
mura che resistono al fuoco,partizioni che separano e dividono. si parte da un piccolo appezzamento di terra donato centiania di anni fa ai cittadini di londra a stratford perche' ci coltivassero qualche pianta, e che e' stato requisito e distrutto perche' la citta' olimpica del 2012 avra' un muro di sicurezza , una zona offlimits, che passa proprio su questi piccoli appezzamenti di terra.
cita iain sinclair un "london olympic official" che dice: le olimpiadi di londra saranno la + complessa operazione di sicurezza mai vista.

Pat Metheny and Brad Mehldau al Barbican

Puo' PM deludere? Si, se si mette con quel segaiolo arfatto di BM. Che cazzo era quella scatolina che aveva vicino al pianoforte? e come mai il pianforte faceva un suono cosi' schifoso, soprattutto in certe note? che cazzo si va inventando questo pianista scarso?
PM fuori forma, cambia chitarra all'ultimo istante, e' svogliato, non e' in sintonia, non e' se stesso. non e' ne' il PM di PMG, ne' quello del trio, non e' il PM visto con CHaden, o con altri musicisti. decisamente un duo che non funziona granche' e anche la qualita' della composizioni lascia a desiderare.
perche' abbiano fatto due dischi.. almeno che non sia per una qualche questione discografica, cavalcare la tigre, incassare l'incassabile, tirare la corda. prendi due tipi che vanno forte e gli fai fare un paio di dischi, tourne', entrambi hanno una bella base di fans che messa insieme caga i soldi assurdi dei biglietti e chaching!
infatti ieri sera (2 luglio) e' stata davvero una serata deprimente e non una festa musicale. ho visto 2 musicisti alquanto inariditi, lo stesso PM ormai sembra ripetere se stesso con la sua chitarra piccasso buona solo per un brano.
PM si salva con una serie di brani evergreen che costituiscono un patrimonio unico e fantastico e che si prestano a essere interpretate sempre in modo nuovo, ma la sua produzione + recente e', diciamolo pure, poco interessante. rimane un grande musicista, che se preso nel momento giusto con la compagnia giusta sa fare grande musica, ma non con brad mehldau.
larry granadier lo conosciamo, e' solido ma anche lui non fa certo sognare; il batterista mai visto e sentito, e tutto sommato si capisce il perche': non e' un nuovo batterista del tipo PM e del livello PMG , non e' un antonio sanchez.
tutto sommato molto deludente, peccato fosse il mio compleanno.

Tuesday, 19 June 2007

e infine vennero i Devo


jarvis cocker, organizzatore del meltdown festival 2007, li presenta dal suo palco dicendo: lasciatevi sconvolgere dai Devo.
royal festival hall, 19 giugno 2007, 17 anni dopo l'ultimo concerto a londra, i Devo tornano a suonare dal vivo (e non solo a londra).
un sacco di energy dome in vista, alcuni orginali anni '80, altri in vendita alla modica cifra di 18 sterline.
il concerto inizia ed e' subito ad alto voltaggio, non ci sono problemi di eta', i Devo sono energetici come adolescenti, e perfettamente a loro agio nelle stesse tute e con gli stessi energy dome di 20 anni fa.
un concerto che mi ha letteralmente spettinato, al punto che sin dalle prime note ho abbandonato la poltroncina (cosa rara per me) e sono stato in piedi a fare dei movimenti a scatti che nel mondo Devo si chiama ballare (in alternativa si puo' anche saltare).
purtroppo le parole delle canzoni le ricordo a sprazzi e le capisco poco urlate in quel modo, l'acustica non era delle migliori, ma e' un concerto PUNK per dio!
passano le canzoni + amate, tutte anzi sono amate: whip it!, girl u want, ecc... ecc.. con freedom of choice lasciata per ultima. il pubblico e' scatenato e inizia a tracimare verso il palco sin dal primo brano, costituendo un piccolo strato di aficionados che ballano sotto il palco e cercano di toccare i loro non-idoli. Qua e la' certuni stanno in piedi proprio perche' non si puo' resistere.
Davanti a me tre tipi improbabili con Energy Domes, birra dopo birra, hanno rotto gli argini e ballano , mentre fanno a turno per andare a comprare + birra, uno ha l'energy dome ancora avvolto nella plastica in cui lo vendono di sotto.
ogni brano suscita urla di giogia, ognuno aspetta un brano, o + di uno.
2 ore solide di musica con un brevissimo intervallo (pochi minuti coperti da un filmato), per tornare in scena in un curioso outfit nero , pantaloncini corti neri, scarpe nere e calze nere alte, ginocchiere bianco/nere e tshirt nera per una seconda parte di set che scava giu' nel rock + duro di mongoloids e altre canzoni + vecchie e culmina nel finale di freedom of choice.
quando hanno finito se ne vanno e niente bis, non riescono a salutari, vanno via all'improvviso come sono venuti, e ci fanno rimpiombare nelle cristi di mezz'eta',cosi' senza pieta'.

Per le foto, cliccare qui

Friday, 11 May 2007

il vigliacco

e cosi' se ne va abdicando invece di affrontare le urne elettorali. da imperatore bugiardo e fascista quale e', se ne va cercando di raccogliere il massimo dei consensi, mentre l'economia e' cosi calda che la banca centrale rialza ancora una volta il tasso, e chissa' quanti altri individui e famiglie finiranno sul lastrico, per aver speso non tanto i soldi che avevano, ma la fiducia nella crescita illimitata.
dopo aver acceso il candelotto esplosivo dell'aggressione ad un paese sovrano sulla base di menzogne e di scuse, e aver pompato nell'economia la linfa vitale ma velenosa delle spese militari, se ne va lasciando la patata nelle mani del primo che capita, che poi e' il suo delfino, la sua balena, l'uomo che + ama e + odia, il primo "straniero" a diventare primo ministro di questo paese delle favole, o meglio, delle bugie.
magari spera che andandosene cosi' , la storia non finira' come in quel fantastico sceneggiato televisivo di, mi pare, rete 4, dove finisce accusato di crimini contro l'umanita' per quelle "poche" decine di migliaia (60mila? 70mila?) di poveracci innocenti morti a causa della sua aggressione al loro paese sovrano. sua e di quella scimmia infernale suo compagno di giochi, solo che nello sceneggiato alla scimmia era succeduta la moglie del suo ex-amico, e una corte internazione dei diritti all'Aia non potrebbe proseguire lei , non colpevole, per quel crimine, ma neanche un ex presidente del paese + potente del mondo, per cui alla fine lo stronzo rimane lui, il bugiardo, il vigliacco, l'ex imperatore.
vivro' abbastanza per vedere la storia prendersi una rinvincita su questi bulli e prepotenti che per un ventennio o piu', il mio ventennio o piu', hanno scorrazzato liberi sulla terra?

Tuesday, 1 May 2007

una citazione: cito Nicola d. C.:
"No hopes, no fear"

Tuesday, 3 April 2007

divagazioni su Keith Jarrett

[a proposito di keith jarrett e di una discussione avuta con un amico, LP, di recente, su KJ e il suo lavoro]

io dico: prendi tutta la produzione di standards, live, e non, sciecherati e non, e mettila da parte. grande si, ma sempre standard sono. bellissimi, unici, certi giorni non se ne puo' fare a meno. pero' sempre standard sono.
poi invece prendi una produzione eccessivamente sperimentale come spheres. grandioso, si, pero' troppo spinta, non roba che si puo' ascoltare sotto tutte le circostanze.
ci sono ora , lasciando da parte la musica classica (clavincebalo, handel, bach ecc.), 2 categorie: composizioni originali da trio e quartetto e concerti soli.
concerti soli grandiosi, pero' sono concerti soli, ore di pianoforte che possono risultare indigeste in certi giorni. di questi comunque ci sono gli anni passati e gli anni recenti. il colonia concerto e' bellissimo ed come il sigillo come l'affermazione "suono ergo sum" di kj, pero' e' scontato, tutti conoscono il kc e' facile , conosciuto, popolare. la roba + tardi e' astrusa e un po' commerciale, quando un posto per un concerto di pianoforte costa un occhio della testa e solo un elite' di alti borghesi puo' andare in questi templi del suono, scala, parigi, vienna.
dark intervals, sebbene registrato in un teatro probabilmente anche + costoso degli altri, ha un suo titolo, il che forse e' solo marketing, oppure significa qualcosa, perche' mentre normalmente i concerti sono completamente imrpovvisati eprendono il nome del luogo (o del venue come nel caso della scala), dark intervals non e' live in tokyo, o tokyo concert, ma dark intervals, quindi forse ha una sua dimensione individuale, e questo si sente, c'e' una coerenza intrinseca che manca nei concerti, compreso il Perugia concert che io vidi qualche anno fa (con gp e jdj) dove in trio si esibi' in tutto tranne che standards.
dark intervals e' un opera per piano solo a se stante, ed ha quella tragica bellezza di paesaggi nord europei, quella disperata gioia che solo un vero artista puo' concepire.
per questo adoro dark intervals, perche' e' dark, perche' e' coerente, perche' e' struggente.

ma dove KJ raggiunge il massimo secondo me e' in 2 composizioni in particolare: changeless e quello che per me e' il + bello dei prodotti musicali di KJ: personal mountains.
personal mountains e' la maturita' artistica, l'apice della produzione di kj, il punto massimo, a cui non tornera' mai piu' , almeno non nella produzione finora esistente.
PM e' una composizione ricca di strumenti (4etto ), dove il sassofono di jan garbarek raggiunge livelli assoluti, ma soprattutto dove il colore e calore della musica e' il freddo geligo, caldo asfissiante, e' tutto ed e' niente, e' pieno ed e' vuoto. anche questa musica , come dark intervals e' tragica, tragicamente bella, sono come urla di dolore gioioso, c'e' una tristezza cosi' struggente, che io trattengo a stento le lacrime quando l'ascolto. personal mountains e' tutto: e' standards, e' jazz, e' kj, e' musica classica e musica contemporanea, tutto condensato dentro un formato commerciale come l'album e poi il cd.
io non so neanche cosa ne dica kj di pm , non so come si collochi nella sua discografia dal punto di vista dell'iconografia ufficiale, ma io so che per me e' una delle cose + belle della musica di tutti i tempi, di tutta la musica che ho mai sentito.
rimpiango non averlo mai sentito dal vivo e non poterlo mai sentire dal vivo.
questa musica e' esistita una sola volta in realta', per poche ore, in un qualche studio di registrazione nord europeo, come tipico per la ecm, noi ne ascoltiamo un eco distorto, un tentativo maldestro di congelare quel momento che e' passato immediatamernte e non tornera' mai +.
nella parte finale del primo movimento, personal mountains, c'e' un sassofono che urla in modo straziante..
questa e' musica suprema, suonata con 3 musicisti nord europei che all'epoca erano loro stessi increduli di suonare con questo genio di kj. c''e una sintonia tra kj e questi eccezionali musicisti nord europei come se venissero tutti dallo stesso posto.. di sicuro suonano tutti la stessa musica.

Sunday, 1 April 2007

[...]
da un lato londra rimane un luogo incredibile, dall'altro rimane anche un merdaio incredible.
prendi oggi:
usciamo dal nostro costosissimo (sigh!) appartamento sul tamigi a canary wharf ; camminiamo al canary wharf pier lungo il fiume 10 min. prendiamo la barca fino a bankside (costo 10 sterline per due solo andata); scendiamo e andiamo alla tate modern dove grazie alla tessera di L. (member + guest, 48 sterline all'anno), entriamo alla mostra di gilbert+george (non che sapessi chi fossero fino a che non hanno organizzato questa mostra);
dopo andiamo al cafe' per members + guest, ci prendiamo un paio di bevande calde (totale circa 10 sterline) e ci sediamo con vista sulla city, st.paul's ecc.);
poi andiamo a piedi lungo il fiume a South bank dove ci vediamo stefano bollani , un pianista jazz fiorentino (che abbiamo visto "nascere" a firenze prima del '98 come pianista di fama), costo 15 sterline a cranio , purcell room.
Poi andiamo a piedi a waterloo, a prendere la metro, e li' incontriamo l'altra faccia della medaglia; imbriachi, vomitano, urlano, si buttano in terra, le troiette sono seminude , ridono sguaiate, mangiano kebab che puzzano, parlano come scaricatori di porto, innit , mate, fuck, wog, etc.. l'aria puzza.
4 sterline biglietto di sola andata, L. ha scordato la oyster card
passiamo da mark'n'spencer, piccolo outlet della stazione di waterloo, frigoriferi pieni di pasti precotti, pub food, healthy food, shit food; panini avanzi della settimana, succhi misti ma rack semivuoti; sacchetti di patatine buttati in terra; 3 buste di spesa di roba la meglio possibile , totale 30 sterline e spiccioli; uscendo dietro l'angolo, due tipi vestiti da city boys si mangiano con voracita' due robi da dentro una specie di carta stagnola, sgocciolandosi addosso, sono ubriachi, la tipa con sta specie di bavaglio che le lascia la schiena completamente scoperta giu a dove inizia la separazione del sedere esita davanti le scale mobili, ondeggia, si gira, una tetta le esce quasi dal bavaglio..
scendi giu' e piu' scendi + ti arriva quell'odore che non diventa mai familiare, che e' sempre lo stesso ma disgusta sempre come la prima volta, odore di metro, metro di londra; jubilee line, un tipo di fronte a me ha uno sguardo trasognato, si legge tutti gli annunci come fossero poesie mai viste, come se fosse poesia e lui non avesse mai letto poesia.
londra e' amore e odio, in generale + odio che amore, non passa giorno che non rivedo nella mia mente Sven che dice "London is filthy" e io che all'epoca ero un turista in un trip di self-denial che non capivo, non afferravo did not grasp questo concetto di "filthy" - mi chiedevo "ma dove mai? non potra' mica essere peggio di trapani" - andando a prendere il peggiore possibili dei posti a cui potevo pensare; ogni giorno c'e' un rigagnolo, una pozza di vomito, una collezione di schifo che nessuno si fa carico di pulire, e io rivedo Sven come fosse un flash back televisivo che ondeggia la mano destra con l'indice in su, come facciamo noi italiani, a dire: te l'avevo detto..
ma poi stacco dal lavoro e se per caso una volta, amche una sola, vado al barbican (lavoro in un edificio attaccato al barbican), e vedo un concerto, che so , brand new heavies come parte di soul britannia, e poi ci troviamo nel foyer dove c'e' una discoteca con jazzie b ed e' soul2soul, precipito indietro di 20 anni e intorno a me e' londra, mi ritrovo a ballare , obeso, 41enne italiano , in mezzo a neri londinesi doc, magari molti di loro sono a loro volta musicisti, dj, ecc. protagonisti di quella stagione musicale vissuta intensamente, ma a distanza, con lorenzo che mi raccontava come ballavano i brothers nelle discoteche londinesi durante la sua permanenza a londra per la tesi di laurea, quando viveva a king's cross e per 3 gg non riusci' a uscire di casa tanto era spaventato.. allora dico: cazzo che figata, londra..
[...]

Tuesday, 27 March 2007

A public letter to Rageh Omaar

Dear Mr. Omaar,

I watched your movie about children labour, exploitation and slavery yesterday evening.
You said something at the beginning of your movie that I am struggling to understand.
You said something like: "In great britain we abolished slavery 200 years ago".
This statement is such a nonsense that I have felt compelled to write you publicly.
You are such a clever and informed person that I don't doubt you understand the more or less subtle implications of such a statement.
But here I need to go through the obvious, because if you understand the implication why couldn't you say something which would have been acceptable, like: "200 years ago you british abolished slavery".
Let me explain.
You are a Somali born person, you have the typical dark skin of so called "black" or african, or whatever people (although it's more a dark brown to me) and 200 years ago you didn't even exist.
200 years ago a bunch of people who happened to be british, "white" (actually quite pink, probably more red in the face if they indulge in the historical weakness that this country has for alcohol) "abolished" slavery. See, I need a lot of double quotes, you know what I mean, it's all relative, words cannot convey the historical complexity of what happened. So the first paradox of you sentence is historical. You and I and all people living nowadays were not born 200 years ago; we are so incredibly different from those people of 200 years ago; at least some of us.
The second paradox is the "we". You weren't even born in this country, 200 years ago there weren't any african to vote to abolish slavery, so how can you say WE? How can you even feel associated to the people who enslaved your ancestors? Just because the British govn't has been so good to grant you a BRITISH passport?
No, I don't understant. Your statement is confusing for me, but it could have a bad influence on young people who look up at you as an example.
A "black" is still a "black"; a paki is a paki, a frog is a frog; I am sicilian, and to most of the rest of italy I am a "terrone", a derogatory word for southern; for other I am a "marocchino", just because I was born in Sicily.
I think you owe yourself and your people and to all the people to whom you might be a role model, more honesty, you are not a organic part of this society, and you know it, so why pretend racism doesn't exist, why play it down?

Saturday, 17 March 2007

Passeggiata londinese nr. 1: da canary wharf riverside a Camden (c.a. 14km)

partenza 12.30 arrivo 16.30
partenza da canary wharf riverside, che sarebbe sotto il mariot hotel, sotto westferry circus.
notare il ristorante cinese royal china che e' , secondo me, il miglior ristorante cinese di londra e il migliore in cui io sia mai stato, sebbene non ho esperienze dirette cinesi di cibo cinese.
gran ristorante, molto frequentato da cinesi, il che dovrebbe essere una garanzia. un po' caro (ma cosa non lo e' a londra?), ma se vi piace mangiare cinese (soprattutto se siete come me interessati alle cose diciamo cosi', + normali, e' un gran posto. comuqnue hanno anche la roba strana tipo zampe di gallina al vapore.

da canary wharf a limehouse e' quasi tutto lungo il fiume e si passa anche un curioso ponte levatoio che ancora adesso c'ho un punto interrogativo sopra la testa a mo' di fumetto. ogni volta che vedo 'sto maledetto ponte sto li per ore a chiedermi come cazzo funziona e soprattutto a cosa cazzo serve, visto che connette i due lati di un breve canaletto chiuso che si dirama direttamente dal tamigi. da li e' meglio rientrare sulla strada dietro i palazzi, nonostante il segnale di thames path che invita a proseguire lungo il fiume. in realta' in meno di 50 mt finite davanti ad un cancello a chiedervi cosa dovreste fare. il cancello, almeno una volta si apriva e si entra nel piazzale interno di un palazzo dal quale tocca tornare alla strada dietro le case. e' un pezzo di percorso via piazzale privato aperto solo fino alle 21.00 e sopra il cancello si fermano spesso gabbiani che vi cagano volentieri sulla testa.
una volta lasciato il lungo fiume imboccare immediatamente il parco e seguire le indicazioni per il limehouse basin. il basin e' carino, ma alla fine dovrete fare un giro intorno al cantiere del complesso Zenith, almeno al momento attuale ancora in costruzione, motivo per cui il ponte che conduce al regents canal e' inaccessibile.
Lo zenith e' forse uno degli ultimi complessi che si potranno costruire intorno al basin perche' di spazio non ce ne piu'; questa tinozza a ridosso del tamigi, protetta dalle maree del fiumone da un paio di chiuse piuttosto possenti, e' circondata dai tipici palazzi e complessi di "docklands", ossia di uno dei quartieri salvati dal degrado/abbandono e distruzione delle v2 di hitler per riempirlo di ricconi (piani alti con vista) e di poveracci che pagani o mutui che non si possono permettere o affitti che non si possono permettere.
ecco un esempio:
qui
in compenso passati sullo stradone principale schifoso, passati sopra il regents canal, alla vostra destra ci sono delle magnifiche scalette per scendere al canale: scalette di peromani, birromani, vodkamani e pisciomani.. tappatevi il naso e sperate di non incontrare qualcono degli abituali. ad ore "strane" sconsiglio di passarci, e anche se vedete gente strana. in caso buttatevi dal ponticello direttamente dentro il canale, piu' della leptospirosi non puo' venirvi (declino ogni responsabilita' e scrivo per farvi ridere, mai ho inteso darvi consigli e non dovreste MAI fare quello che dico io, a meno che la vostra mamma non dica che va bene).
ok, finalmente inizia il canale. ammirate l'acqua del canale e il macello di schifezze che ci navigano sopra (palloni, lattine, bottiglie ecc..) e questi sacchetti di plastica che ci galleggiano dentro talvolta con effetto drammatico (sembrano corpi straziati buttati nel canale).

Sunday, 4 March 2007

London: a life in maps


Vista nell'ultimo giorno di apertura la mostra London: a life in maps alla British library.
Innanzi tutto la BL e' un posto assolutamente da visitare se vi trovate a Londra, aperta ogni giorno della settimana. C'e' un'ampia zona aperta a visitatori e le mostre sono sempre molto interessanti e gratuite. E' anche possibile vedere alcuni dei manoscritti + incredibili, da leonardo da vinci ai beatles.
Bagni, caffetteria, ristorante, una bella piazza per le giornate di sole, molte possibilita' di sedersi e questo strano cilindro centrale in vista che contiene la biblioteca di un re (George ??).
Wifi access al sito della BL online e' gratuito; invece wifi access a internet e' a pago.
La mostra London: a life in maps metteva in mostra una raccolta di mappe di londra a partire dall'epoca romana, fino ai nostri giorni, con alcune incredibili carte che mostrano londra nel 16esimo, 17esimo e 18esimo secolo.
La mostra e' perfetta dopo la lettura del Baroque cycle di Neil Stephenson, perche' molte di queste carte si riferiscono alla stessa londra dei 3 romanzi, pre incendio del 1666 e post incendio, compresa east india company e docks.
Abbiamo visto una foto satellitare degli anni '90, 1990, che mostra la zona dove abitiamo con i suoi wharves, oggi scomparsi per far posto agli edifici dove abitiamo.
Ho visto tuttiquei luoghi di cui il ciclo barocco tanto parla, le arene per le lotte di animali a sud del fiume, a Southwark (pronunciato al giorno d'oggi come Sadock dove la "d" deve essere la versione sonora di "th"), la prigione/citta' nella citta' di Newgate, i campi dove le condanne a morte (impiccagione e sventramento da vivi nel caso peggiore) erano portate a termine (Tyburn), le teste dei condannati a morte impalate sulla porta meridionale del "The Bridge", oggi conosciuto come London bridge e per molti secoli, nonostante la immeritata fama del tower bridge), l'unico ponte di londra.

Sunday, 25 February 2007

ain't nothing but blues bar, soho, london

e chi l'avrebbe mai detto che li a due passi dal peggio di londra, oxford street, hamley, e le folle di turisti - e non - assetati di shopping, ci fosse questo piccolo pub dove si fa musica dal vivo in un spazio minuscolo? blues dice il nome ma non e' solo blues, e poi sabato e' open mic.
non e' certo il tipico "local" londinese, perche' collocato in un'aerea dove difficilmente ci sono dei "locals".. non la + residenziale delle zone di londra.
comunque una bella atmosfera, mista, francesi, italiani e inglesi in da room, noi abbiamo beccato un paio di gigs carine. Un po' troppo country & western e Johnny Cash per i miei gusti, per non male.
Consigliato per la vostra visita a Londra:

http://www.aintnothinbut.co.uk/

Tuesday, 20 February 2007

influenza aviaria? no grazie!

ricevo dal mio datore di lavoro e volentieri pubblico :
there is no reason to fear or to disrupt the normal life. Come to work, and work some more, because the company loves you and you are the most important assets of the company. as you might have seen in the media, the B&M turkey FACTORY has only shut long enough to get some big trucks going back and forth , and some people in white overalls spray some water blessed by the pope to get rid of this unholy virus. but the FACTORY has resumed production IMMEDIATELY, despite the fact that the virus cannot possibly be eradicated completely, especially not in a place where the density is way behind control. so as you can see, there is no reason to fear or change our life styles. we won't let this muslim terrorist scare us , we will keep going everyday to work, you by tube, us by merc, business as usual. a couple of stinking farts won't stop us, we are better than that. etc.. etc..

ok, no , non e' vero, ma se qualcuno mi vuole ingaggiare per scrivere questo genere di cazzate, don't hesitate..
:-)

Sunday, 18 February 2007

Hogarth alla Tate britain.

siccome che sto leggendo questi libri fantastici, 3 volume da 900 pagine cadauno, il ciclo barocco di Neal Stephenson (quicksilver, the confusion, system of the world), un romanzo un po' storico un po' fictional che si svolge tra il 17 e 18esimo secolo, per lo + a londra, ma non solo, con un mix di personaggi storici (newton, hooke, etc..) e immaginari (dr. waterhouse, eliza, gli shaftoes ecc..), allora questa mostra ci sta proprio precisa.
sebbene la londra di hogarth e' quella della fine della storia e non comprende la londra della rivoluzione, di cromwell, dell'unica parentesi anti monarchica, della testa del re che rotola, dei puritani che prendono il sopravvento, comunque e' molto vicina. tanti dei nomi dei luoghi e anche delle persone o delle attivita' dei dipinti e disegni di hogarth si trovano nei libroni, come la prigione di newgate, il manicomio di bedlem, le impiccagioni di tyburn, il mercato di covent garden, il bordellone di southwark e poi lo stesso hogarth che va a vivere a leicester fields (oggi nota come leicester square) dove proprio eliza ha casa...
gran bella mostra consigliata a tutti quelli che possono andare a vederla, aperta fino al 29 aprile.

Friday, 2 February 2007

The Brand New Heavies and guests @ the Barbican (Soul Britannia)


concerto fantastico, un po' reunion, dei BNH con N'Dea Davenport, la cantante del gruppo originale, e poi , siccome il concerto e' parte della rassegna Soul Britannia, musica nera in UK, una carrellata di ospiti a noi in gran parte o completamente sconosciuti: Omar, Jazzie B & David McAlmont + special guest Carl McIntosh (Loose Ends).
A parte McAlmont , che e' un ragazzino nero magrissimo che, a suo dire, fino a pochi mesi fa passava il cencio in una ospizio per anziani di Croydon e viveva a Canning town, e che fa un tipo di musica commerciale e romantica non molto interessante, gli altri ospiti sono stati fantastici e per altro il pubblico sembrava amarli e conoscerli molto piu e meglio dei BNH.

Carl McIntosh e Omar grande musica e voce, e non capisco come mai io non ne abbia mai sentito parlare.

Grande concerto, grande musica, grande partecipazione.
Poi , come se non bastasse, nel foyer, discoteca con Jazzie B, chiaramente un altro famoso personaggio del Black Soul Britannico a me sconosciuto, ma grande mix di musica nuova e passata , mi sono divertito a ballare come non facevo da tempo, in un ambiente gradevole, dove prevaleva la presenza di black british.
Probabilmente una platea a sua volta di artisti, djs, vjs, ecc. a noi sconosciuta.
Grande serata!


The Brand New Heavies
25th landmark events
with N'Dea Davenport, Omar, Jazzie B & David McAlmont + special guest Carl McIntosh (Loose Ends)
2 Feb 07 / 19:30 / Barbican Hall

Monday, 8 January 2007

grazie meridiana

dopo alcuni disagi causati da mostruosi ritardi del volo londra gatwick firenze al venerdi sera, la meridiana nel giro di 2 settimane e' stata cosi' buona con me che sento il bisogno di raccontarvelo:
1) il 22 dicembre quando correvo in italia perche' mia nonna stava male (purtroppo poi non ce l'ha fatta, come saprete), l'addetta meridiana di gatwick ci ha fatti salire senza extra costi sul volo precendente a quello che avevamo prenotato. Non so il nome di questa signora/signorina ma voglio tanto ringraziarla
2) oggi mentre prenotavo dei voli per la mia ragazza (arrotondo come agente di viaggio durante le ore di lavoro), ho fatto un errore e prenotato un volo firenze catania andata e ritorno invece di solo andata; ho chiamato il call center della meridiana e mi hanno restituito i soldi immediatamente.
Grazie meridiana..